Usare CandyBar con Mavericks

Come forse sapete, il progetto di Candybar è stato “abbandonato” dagli sviluppatori; per questo già con Mountain Lion si notavano i primi problemi di funzionamento, anche se poi era ancora stato rilasciato un update.

Con Mavericks invece sembrava ormai impossibile pensare di usare questa utile applicazione, che – ricordiamo – ci permette di personalizzare Dock e Icone delle app. All’apertura di Candybar infatti compare questo avviso che ci impedisce di eseguire modifiche alle nostre icone

CandyBar - Avviso "Unqualified System"

Dopo una ricerca, ho scovato un video ed un articolo che invece dimostrano come sia possibile tornare ad usare CandyBar.

VIDEO

{EDIT: Il video che avevo trovato è stato eliminato da YouTube; ho pertanto provvisto a crearne uno io}

Prima di visionare il filmato, vi consiglio di scaricare PlistEdit Pro a questo indirizzo: http://www.fatcatsoftware.com/plisteditpro/

È un programma shareware, quindi a pagamento; tuttavia per questa nostra piccola modifica non ci sono intoppi e non serve acquistarla. Altro consiglio: eseguite una copia di backup del file IconData.plist (indicato nel video); in caso di malfunzionamento di CandyBar, sostituite la versione modificata con quella originale.

{EDIT/2: In seguito ad un’ulteriore ricerca, ho trovato un thread sul forum di MacRumors che espone in maniera scritta – in inglese – ciò che vedrete nel video}

ARTICOLO

Ai più pratici con l’inglese e con il terminale segnalo invece questo articolo di iDeviceDailys: http://idevicedailys.com/os-x/howto-use-candybar-os-x-mavericks/

Si tratta sempre di modifiche ad un file .plist, ma differente rispetto all’altro presentato nel video.

Consiglio finale: ai principianti, a chi non è abituato a smanettare con codici e Terminale consiglio di seguire il video passo passo; in brevissimo tempo risolvete il problema dell’Unqualified System e tornate ad usare liberamente (e finalmente) CandyBar!

Mavericks: attivare la Dettatura Offline

Ho da poco scoperto, grazie a questo articolo di Apple Gazette, che con Mavericks è possibile attivare la dettatura offline.

Con Mountain Lion la funzione dettatura era già presente, ma si basava sulla nostra connessione Internet per collegarsi ai server Apple; un po’ come Siri, per intenderci.

Da Mac OS X 10.9 però possiamo sfruttare la funzione dettatura anche se non abbiamo una connessione ad Internet; attivandola infatti verrà scaricato e installato un pacchetto apposito nel nostro OS.

ATTIVAZIONE

Per avere questa nuova funzione, bisogna aprire Preferenze di Sistema > Dettatura e Voce. Attiviamo quindi la funzione Dettatura cliccando sì e ci verrà proposto questo avviso

Attivazione dettatura

Spuntando pertanto, poco più sotto, l’opzione Dettatura Migliorata, verrà scaricato il pacchetto e nel lato sinistro basso della finestra comparirà una scritta che ci aggiornerà sulle fasi di download e installazione.

dettatura_2

 

Terminata l’installazione, la dettatura offline (o migliorata, come l’ha chiamata Apple) è pronta per essere utilizzata!

Attivare il lettore PDF integrato in Firefox (dalla v.15)

Grazie alla segnalazione del nostro lettore Gianluca, ho fatto una ricerca e ho scoperto che in realtà è possibile attivare il lettore PDF integrato a partire dalla versione 15 di Firefox.

GUIDA ALL’ATTIVAZIONE

  1. Innanzitutto apriamo Firefox 15 e nella barra degli url digitiamo about:config e premiamo il tasto Invio;
  2. dopo aver fato l’ok all’avviso di prestare attenzione a ciò che facciamo, scriviamo nel campo di ricerca  browser.preferences.inContent e clicchiamo due volte su questa voce nel risultato ottenuto: in questo modo attiviamo il parametro;
  3. ancora nel campo di ricerca inseriamo la voce pdfjs.disabled e clicchiamo due volte per attivarlo;
  4. ora ci basterà eseguire un riavvio di Firefox, andare sulle Preferenze selezionando “Applicazioni”: lì, alla voce “PDF”, selezioniamo “Anteprima in Firefox” e il gioco è fatto! Finalmente avremo il nostro lettore PDF integrato, senza bisogno di alcun plugin! 🙂

Via Geekissimo

[Mac] Ottenere permessi di root sul Samsung Galaxy Ace

Essendo io possessore di un Mac e di un Galaxy Ace, sono andato alla ricerca di un modo per ottenere i permessi di root sul mio smartphone Android senza dover utilizzare per forza Windows.

Nota preliminare: a chi fosse intenzionato a capire cosa significa ottenere i permessi di root o scoprirne i vantaggi, consiglio di leggere questo articolo di Androidworld.it, che mi è risultato davvero utile.

Alla fine ho trovato una soluzione davvero pratica e assolutamente veloce (che funziona sia con Windows che con Mac, come vedremo), ma che, come ben sapete, non è esente al 100% da eventuali rischi o danni – come al solito ci vuole cautela, e non bisogna dare nulla per scontato!

Attenzione: vi ricordo che ottenere i permessi di root equivale a invalidare la garanzia del vostro dispositivo: per questo occorre procedere con la massima attenzione

REQUISITI

I requisiti fondamentali sono questi:

  • Samsung Galaxy Ace (ovviamente 😉 )
  • Gingerbread 2.3.3 (o superiore, ma personalmente l’ho testato solo sul 2.3.3)
  • i file upd_1.zip e unroot.zip (cliccate sui nomi per scaricarli)
  • cavo USB per trasferire questi file sulla scheda USB

Continua a leggere

Inserire allegati in Mail con Drag&Drop

Ieri dovevo mandare un’email con allegata uno screenshot e andavo piuttosto di fretta. Istintivamente ho provato a prendere il mio file .jpg e a trascinarlo sull’icona di Mail…et voilà, magicamente mi si è aperto un nuovo messaggio con già l’allegato pronto nel messaggio stesso! Non è una di quelle novità epocali, anche perché penso esista da prima di Lion, però mi è sembrato utile condividerla, perché è una di quelle piccole cose che migliorano e velocizzano l’uso delle app!

Fantastico, no? 😉